Netflix in Crisi? Il Debito che non da tregua

netflix crisi

Netflix in Crisi? Il Debito che non da tregua

Nel mondo dei media moderni lo streaming a pagamento è diventata una realtà consolidata e fortemente utilizzata da milioni di utenti ogni giorno. La notizia che Netflix sia in crisi economica nonostante sia senza ombra di dubbio la società leader del settore ha lasciato basiti i più. Ma quali sono le cause di questo deficit? Come mai, nonostante i numerosi introiti la società di streaming per eccellenza arranca?

La colpa di questo default è da imputarsi, secondo gli esperti, alla necessità di investire costantemente in nuovi contenuti che il colosso dell’ intrattenimento deve sostenere per offrire sempre qualcosa di nuovo ai propri utenti. Oltre alle serie tv e ai film di terze parti, sulla piattaforma sono anche presenti moltissimi contenuti originali autoprodotti da Netflix stessa.

I costi da sostenere per la produzione di serie tv e film originali sarebbero dunque una delle principali cause che portato Netflix alla crisi economica in cui attualmente versa. In realtà le chiusure in negativo per la società di Reed Hastings sarebbero già una costante da circa due anni per un totale di 9 milioni di dollari di debito, circa 7,7 milioni di euro.

Secondo gli esperti suddetto debito è destinato a crescere ulteriormente nel prossimo futuro. Per far fronte al problema Netflix ha appena rilasciato l’ennesimo bond, il quinto in 3 anni. L’altro problema, onnipresente per chi opera nel campo della produzione multimediale è la pirateria. Questa piaga sociale vede un evasione dei costi grazie ai reupload da parte di siti terzi che impediscono il guadagno sia della piattaforma di distribuzione (Netflix in primis) sia di chi produce una serie tv o un film.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.