Senza categoria

Ristoratore del centro storico riceve multa da 350mila euro e sviene: ma era un errore

LETTURA DELLA BIBBIA NO-STOP

Per la prima volta in Europa toccherà al Pincio (Villa Borgese – Roma – viale Belvedere angolo viale Valadier) far risuonare le parole di tutta la Bibbia. L’iniziativa si chiama “Progetto Giosia”. Perché questo nome? Giosia era un re dell’antico Israele che aveva ordinato di rimettere in ordine il tempio e, durante questa operazione, erano stati ritrovati i rotoli della legge che poi furono letti a tutto il popolo. La lettura del testo sacro fece un gran bene a tutta la popolazione che si impegnò a migliorare la propria vita.

Partendo da questa esperienza positiva, le comunità avventiste romane hanno preparato con entusiasmo un progetto di lettura della Bibbia no-stop e hanno voluto anche coinvolgere le altre comunità cristiane. Non è un messaggio di parte quello che si vuole dare, ma si desidera far parlare solo ed esclusivamente la Parola ispirata. Il messaggio che si vuole dare è il seguente: la Parola di Dio è per tutti, adulti, giovani, bambini, donne e uomini, ricchi e poveri, istruiti e meno. Essa è valida in qualunque momento del giorno o della notte; infatti sarà letta giorno e notte, senza nessuna interruzione, fino alla fine. Essa ci aiuta a superare ogni difficoltà: la Bibbia non parla di superuomini, ma di persone che vivono la loro quotidianità con i loro difetti e i loro errori ma, nonostante tutto, sono tanto amate da Dio che ha perfino offerto in sacrificio il suo figlio per ridare loro la vita. Chi conosce la Bibbia e la legge con amore non può rimanere senza speranza e conforto.

Contemporaneamente, nello stesso luogo in cui si svolgerà la lettura, ci sarà la “Mostra della Bibbia”, promossa dalla Società Biblica in Italia, con una cinquantina di pannelli che illustrano le tappe più importanti della storia del testo sacro e diverse edizioni della Bibbia. La versione scelta per la lettura è quella della TILC (Traduzione Interconfessionale in Lingua Corrente) per indicare che la Parola di Dio unisce tutti i cristiani e deve essere il nostro comune punto di riferimento.

I collaboratori di una simile impresa, che richiede circa 120 ore di lettura consecutiva, sono una quarantina di credenti volontari, principalmenti avventisti, ma coadiuvati anche da alcuni appartenenti a diverse confessioni cristiane. Alcuni di loro sono professionisti della parola, altri normali lettori, tutti però uniti dall’amore per le Sacre Scritture. Essi si alterneranno notte e giorno a partire da venerdì 25 luglio, dalle ore 19.00, e concluderanno nella giornata di mercoledì 30 luglio.

L’iniziativa verrà introdotta da una Tavola rotonda dei professori Paolo Ricca, Giancarlo Rinaldi e Giovanni Leonardi alle ore 17.00 del giorno 25 luglio.

Dora Bognandi Pellegrini

Share: