Senza categoria

ROMA RILANCIA IL TURISMO

Si chiama ‘Rome Sweet Home’ il nuovo progetto del Comune di Roma per dare un nuovo ‘volto’ alla capitale, disertata dai turisti americani dopo l’undici settembre

LONDRA – Roma non si arrende davanti alla crisi globale del turismo e si affaccia sul mondo con un programma di rilancio del settore volto a trasformarla in una metropoli “da vivere a 360 gradi, per 365 giorni l’anno”: presentata a Londra, al ‘World Travel Market’, l’iniziativa è frutto di un accordo con l’Enit.

È stato il vicesindaco della città, Enrico Gasbarra, ad illustrare oggi alla stampa il nuovo “volto” turistico di Roma, che presto verrà promosso con una campagna pubblicitaria a Londra, New York e Madrid basata sullo slogan “Rome Sweet Home”.

“Sicuramente siamo in un momento di difficoltà – ha detto Gasbarra -. Io non amo la parola crisi e ritengo che c’è bisogno ovviamente di rilancio”. Un rilancio, ha proseguito, che parte da una base molto solida: un incremento del 25% del numero di visitatori a Roma nel 2000 rispetto al 1999 seguito da una crescita del 6,5% nei primi 9 mesi del 2001 a circa 11,7 milioni di persone. Il soggiorno medio è di 2,38 giorni, l’obiettivo è portarlo a quota 3,5-4 giorni.

“L’undici settembre ha segnato, come nel resto del mondo, una battuta d’arresto soprattutto per quanto riguarda i flussi provenienti dagli Stati Uniti”, ha spiegato Gasbarra.

“Roma, tuttavia, è una città che offre garanzie di sicurezza, tanto è vero che il decremento di settembre risulta abbastanza contenuto – ha affermato, sottolineando che nel mese dell’attentato agli Usa il flusso di visitatori è sceso del 35% -. I primi dati che riguardano il mese di ottobre parlano addirittura di ripresa”. Un inizio di ripresa guidato dal turismo proveniente dalla Spagna, dalla Francia, dalla Gran Bretagna e dalla stessa Italia. Sul fronte della sicurezza, Gasbarra ha annunciato oggi che nel 2000 il numero dei reati a Roma è sceso del 7% rispetto al 1999.

In questo quadro, l’accordo di programma siglato con l’Enit prevede anzitutto un “cartellone degli eventi” che sarà pubblicizzato a livello mondiale per far conoscere al potenziale turista il calendario dei concerti, dei balletti, delle rappresentazioni teatrali dal dicembre del 2001 al luglio dell’anno prossimo (sono previsti tra l’altro 26 concerti e 33 rappresentazioni).

“Con questo accordo di programma con il Comune di Roma, l’Enit continua quel suo processo di autoriforma per essere sempre più un ente operativo al servizio delle realtà pubbliche e private – ha dichiarato il presidente dell’Ente nazionale italiano per il turismo, Amedeo Ottaviani -. Un ente sempre più dialogante con realtà regionali, provinciali e comunali”.

Sempre nell’ambito dell’accordo, ha sottolineato Gasbarra, “continuerà la nostra campagna di investimenti, con ulteriori 4.000 miliardi di lire destinati al patrimonio storico e alle 12 grandi opere pubbliche della nostra città, come il l’auditorium e il velodromo”.

Fanno inoltre parte del programma, la carta del turista – la cosiddetta ‘Roma Password’ – studiata per facilitare la visita della città durante un soggiorno di 4 giorni; un potenziamento dei Punti di informazione turistica; il rilancio del litorale di Ostia e la valorizzazione del porto di Roma; la realizzazione del ‘Visitor Centre’; la realizzazione di un piano urbanistico strutturale per il turismo non convenzionale e la costituzione di un’Agenzia per il turismo per la promozione di Roma nel mondo.

INIZIO PAGINA

Share: